Carenza e presenza

Carenza e presenza – 2016 – vernice su carta – 24,5 x 592 cm
© Domenico Cornacchione, 2016. Durata: 03:34

Può succedere di fidarsi troppo dei nostri ricordi, e accorgersi, in seguito, che la nostra mente ci ha ingannato. Lo dimostra Domenico Cornacchione, che ci mette di fronte a scene e oggetti che ci sembra di riconoscere immediatamente. In un attimo ci torna alla mente il ricordo di quella forma, di quella scena rappresentata, di quell’oggetto. Solo avvicinandoci scopriamo che il ricordo scatenato dalle immagini che vediamo è solo un inganno mnemonico. Accade così che le scene cruente riprodotte da Cornacchione su una lunga striscia di carta, a una prima visione ci disturbano, ci fanno sentire a disagio, solo guardando con più attenzione ci accorgiamo che si tratta in realtà di una lunga sequenza d’immagini che ci raccontano la difficoltosa nascita di un vitello; un lungo omaggio alla vita.

Precedente la forma dell'anima - Forme Primordiali Preesistenti Successivo Rivendicazione 1 raschiamento